Pubblicato il Lascia un commento

5 aspetti importanti della coltivazione di cannabis

Estate vuol dire, tempo libero, viaggi, relax, momenti fantastici tra amici, e piatti alla griglia super buoni.

Ma per noi growers di cannabis non è ancora il momento di rilassarsi, proprio il contrario. Le nostre piante di marijuana hanno bisogno di molta attenzione. Il periodo estivo è il momento di produrre fiori bellissimi, densi e deliziosi dagli aromi inebrianti.

Gli aspetti importanti della coltivazione di cannabis sono: l’irrigazione, il mulching, i sostegni, la defogliazione e la luce. In questo articolo vedremo brevemente gli aspetti più importanti di ognuno di questi 5 punti chiave della coltivazione.

L’irrigazione

L’irrigazione dovrà essere svolta nelle prime ore del mattino affinché le piante siano pronte ad affrontare le giornate più calde.

Bisognerà usare concime specifico per la fase di crescita quindi uno stimolatore delle radici al fine di migliorare la salute e ottimizzare il vigore e la capacità di assorbimento della pianta in fase di crescita. (una volta alla settimana).

Meglio non annaffiare di notte, l’aumento dell’umidità atmosferica potrebbe causare la comparsa di funghi.

Il picco più caldo della giornata è tra le 12:00 e le 15:00, a seconda della zona geografica. Durante questo intervallo è meglio non bagnare le piante, nemmeno se vi sembra che l’acqua irrigata al mattino non è stata sufficiente. Bagnare le piante in un orario sbagliato potrebbe provocare uno shock termico capace di bruciare le radici e sarebbe sicuramente un danno grave per le piante e per il coltivatore.

La pacciamatura (mulching)

Il pacciame o mulch è ottimo per evitare l’evaporazione dell’acqua e uno shock termico. Funge da strato protettivo del sostrato, 2-5 centimetri di spessore, a seconda del clima e della zona. É un composto di materia vegetale oppure minerale (trucioli di legno, corteccia d’albero, rametti per esempio.).
Rimarrai stupito dai vantaggi che offre!

Sostegni per piante

Prima della fioritura, è importante installare dei sostegni per le infiorescenze che cresceranno. Le piante devono saper supportare il peso dei fiori quando scoppierà la fioritura.

Se le piante crollano sarà un problema per quanto riguarda la maturazione e lo sviluppo dei fiori. Quando non si svolgono i lavori adeguati in precedenza, il rischio è quello di dover fare lavori extra nella fase di fioritura.
Nell’agricoltura ma specialmente quando si parla di cannabis prevenire è meglio che combattere!

La defogliazione

Quello che bisogna fare è monitorare lo sviluppo dei fiori e soprattutto la penetrazione della luce nelle parti superiori ed inferiori della pianta. Questo punto avrà un impatto positivo sul risultato finale dei fiori.

Bisogna fare attenzione e non potare troppo le piante perché le conseguenze potrebbero essere gravi. Oltre allo stress, le piante potrebbero non avere abbastanza foglie per la fotosintesi in modo da soddisfare le loro necessità.

La defogliazione è un momento molto importante, puoi vedere i nostri esperti growers e la tecnica di defogliazione: lollipopping sui profili social Mary Moonlight, cliccando le icone Facebook e Instagram a destra o in basso a destra. Seguendo i nostri profili social, troverai tanti contenuti riguardo la cannabis molto interessanti ogni giorno.

La luce

Entrati nella fase vegetativa, la luce svolge un ruolo chiave nello sviluppo generale delle piante. Quelle coltivate in vasi piccoli saranno spostate per ottimizzare la penetrazione della luce e dell’aria per assicurare che ci sia spazio sufficiente per crescere comodamente.

Nel caso delle piante coltivate direttamente nel terreno, è cruciale eliminare la vegetazione circondante per far penetrare la luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *