Pubblicato il Lascia un commento

La Rivoluzione Verde : la storia evolutiva del CBD

In tutta la storia della Cannabis uno dei protagonisti principali e silenti è sicuramente il CBD.
Essendo non psicoattivo, quindi poco percepibile rispetto al corrispettivo THC, questo cannabinoide è riuscito a farsi strada ritagliandosi un’ampia fetta di mercato nonostante le leggi poco chiare e contrastanti e i dubbi di chi faceva parte del settore.
Le prime tracce di CBD le troviamo naturalmente all’interno delle varietà originali, le così dette “landrace”. Molte genetiche autentiche italiane, per esempio, presentavano livelli di CBD consistenti e a volte in rapporto quasi uguale con il THC (oggi diremmo 1:1). Nei successivi anni di proibizionismo, però, l’obiettivo dei breeder fu sempre più aumentare i livelli di THC, la produzione e gli aromi e così le elevate percentuali di CBD naturalmente presenti nelle piante andarono sempre di più a diminuire.

Con l’apertura al mondo della Cannabis Terapeutica il CBD ritorna alla ribalta: vengono scoperte le sue proprietà mediche e si iniziano a fare i primi incroci per poter arrivare a delle piante in grado di poter essere coltivate per fini estrattivi. Ma ancora non era finita, nel frattempo, la canapa industriale proseguiva la sua corsa alla legalizzazione in tutto il mondo.

La ricerca e la costante sperimentazione degli ultimi anni hanno dato vita alla Cannabis Light o Smokable Hemp, piante con fiori di Cannabis con livelli di THC minimi ma percentuali di CBD alte ed aromi piacevoli e facilmente apprezzabili, a differenza della canapa classica che solitamente ha una bassa produzione di terpeni. Naturalmente i primi incroci erano più vicini alle piante di canapa industriale ma in poco tempo e grazie all’uso di nuove tecnologie mai usate prima si è arrivati a gli standard moderni.

Il percorso per la completa legalizzazione e sensibilizzazione della pianta è ancora lungo, ma il futuro davanti a noi è sicuramente verde!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *